contronindicazioni della chlorella

Abbiamo parlato in un altro nostro articolo qui sul sito dei benefici della Chlorella, per cui ci sembra ora giusto discutere anche quali siano gli effetti collaterali e le controindicazioni di quest’alga.

Gli effetti indesiderati

Gli effetti indesiderati della Chlorella sono molto comuni soprattutto nei primi utilizzi di questa sostanza. Il nostro corpo infatti non è abituato alla sua assunzione – che dovrebbe cominciare con piccole dosi fino poi ad arrivare a quelle consigliate – e può quindi reagire in diversi modi.

Gli effetti più comuni sono sicuramente:

  • Gas e flatulenza
  • Nausea
  • Diarrea
  • Crampi allo stomaco

Non si tratta in genere di problematiche gravi, e tendono a sparire man mano che se ne fa uso. Se così non fosse è meglio però sospendere l’assunzione.

In merito all’ultimo punto è bene ribadire ancora come l’assunzione della Chlorella dovrebbe essere fatta in cicli, massimo uno due l’anno. A questi vanno alternati periodi in cui non se ne fa uso.
Questo perché a lungo andare se non si prendono delle pause si rischia di limitare la capacità del proprio corpo di assorbire e processare minerali necessari come il ferro o anche il rame.

Fra le altre controindicazioni della Chlorella esiste anche la possibilità di reazioni allergiche – come per tutte le altre sostanze che ingeriamo – ma si tratta di fenomeni piuttosto rari ed in genere non gravi.

Iodio, tiroide ed altro

Trattandosi di un’alga, la Chlorella presenta un alto contenuto di iodo. Generalmente può tranquillamente essere assunta anche da chi ha problemi di tiroide, ma è sempre bene controlla prima con il proprio medico o uno specialista.

Un’altro caso in cui viene sconsigliato l’utilizzo di questa sostanza è se si soffre di patologie autoimmuni ed immunodeficienza.

Se si è quindi in dubbio o si soffre di particolari patologie è sempre bene chiedere un parere al proprio medico di fiducia.